Un po’ della Pasquetta all’ex discoteca

24032008734.jpg  24032008738.jpg  24032008735.jpg   

24032008733.jpg  24032008731.jpg  24032008727.jpg 

24032008725.jpg  24032008721.jpg  24032008720.jpg 

24032008717.jpg  24032008716.jpg  24032008706.jpg

24032008714.jpg  24032008712.jpg  24032008711.jpg 

24032008709.jpg  24032008707.jpg   

E’ stata la festa più lunga della nostra vita, 12 ore continuate.

Nu stam mica buon!!!!!!!!!

Annunci
Explore posts in the same categories: Pasquetta 2008

34 commenti su “Un po’ della Pasquetta all’ex discoteca”

  1. Tony Says:

    Quant sit bell…

  2. Antoniosimò Says:

    Peccatto non esserci…bella uagliù!!!

  3. Elio Says:

    Raramente scrivo sul blog ma lo seguo sempre nelle sue vicissitudini.
    In questi giorni che sono stato influenzato,ho avuto modo di visitarlo più volte,e di leggere i diversi commenti dei cari amici.
    Sono rimasto molto contento nel rivedere diverse foto immortalate nei momenti di festa organizzati e soprattutto nel leggere i commenti ad esse associate.
    Un ringraziamento quindi a tutti coloro che con la partecipazione fanno si che tale divertimento non viene a mancare,infatti è solo grazie a chi si rende partecipe che in questo piccolo ma grande paese ,si vivono momenti indimenticabili.
    Basta un niente per trascorrere una serata in allegria,un organetto,una fisarmonica, una bottiglia di vino e via fino a notte fonda ridendo e scherzando.
    Tutto ciò però è permesso grazie alla grande amicizia che da anni ci accomuna,e grazie soprattutto al rispetto reciproco che si è instaurato,ingrediendi fondamentali in un gruppo solido e numeroso.
    Riflettevo poco fa sulle parola di Pasquale nel post successivo,e concordo pienamente in ciò che dice aggiungendo però un piccolo elemento: la speranza che tutto ciò non abbia mai fine.Il futuro è caino,per ora abbiamo la fortuna di restare qui e di vivere tutto ciò, un domani non si sà,ma in ogni modo meglio vivere alla giornata senza farsi molte ansie inutili.
    Mi sento anche in dovere di aggiungere che sono onorato di essere circondato da amici e amiche come voi,pronti alla sensibilizzazione dei problemi comuni qualora richiesta e pronti al divertimento qualora si presenta;sensibilizzazione e divertimento sono per me i due fattori vitali della vita comune.

    a presto
    un forte caloroso abbraccio
    Elio

  4. Tony Says:

    Elio sei un Grande…cia

  5. riccardocioria Says:

    12 ore di piacevole compagnia……

  6. Il Presidente Says:

    Il domani è sempre un’incognita per tutti, ma la cosa importante è appunto non perdere di vista il presente nel pensare al domani, quindi io penso che oggi più che mai viviamoci questi momenti con la spensieratezza di cui disponiamo, divertiamoci senza la vergogna di farlo. Non dobbiamo temere dei pregiudizi degli altri, tanta gente che io conosco non ha sfondato nella vita per la paura di essere giudicata. Il nostro domani nasce oggi nel nostro presente. FORZA E CORAGGIO.

  7. Elio Says:

    Bhè….per fortuna non siamo tutti uguali….
    concordo nel vivere con spensieratezza questi momenti,ma non concordo nell’incognita del domani,in quanto il futuro dipende anche da cosa facciamo oggi e come lo facciamo.
    Per quanto riguarda la gente si,è giusto mettere da parte i pregiudizi,anche se non vedo quali dovrebbero essere….nel senso che io per natura non sto mai a pensare a quello che dice la gente per il semplice motivo che ho sempre molta autostima in me e perchè credo che ognuno di noi ha una propria testa per ragionare,per tanto ognuno sa ciò che è giusto e ciò che non lo è,e non smetterò mai di ripetere queste parole,anzi lotterò contro chi cerca di manovrare o strumentalizzare.
    Chi mi sta vicino sa quante volte ho detto ciò,quante volte ho avvertito di ragionare con la propria testa senza pensare a ciò che pensano gli altri,se poi il proprio pensiero compacia con quello di un altro ben venga,altrimenti valutate,ma non cambiatelo.
    a presto

    Elio

  8. ArIaNnA Says:

    Belle Foto (anche se non conosco nessuno)!!!

    Io non so di quali pregiudizi si possa trattare e sono in parte d’accordo con Elio..bisogna avere il coraggio di saper ragionare con la propria testa ma anche di confrontarsi con gli altri e a volte ammettere che le nostre convinzioni non sempre son giuste. Ben venga non solo il pensiero che combacia con il nostro, ma anche quello che non combacia. Può indurci comunque ad una riflessione, portandoci a ricrederci, a volte, su alcune convinzioni. Resta il fatto che spesso è difficile decidere cosa sia veramente giusto e cosa no. Tanto difficile quanto è difficile catalogare cosa è bene e cosa è male. La cosa più importante però è restare fedeli a sè stessi anche ricredendosi a volte.
    “Siate preparati a sostenere le vostre convinzioni contro la maggioranza, ma che siate disposti a lasciar perdere se si dimostra che avete torto.Ci vuole un gran coraggio per farlo quindi ne uscirete comunque sempre a testa alta..” Pam Brown

  9. Il Presidente Says:

    “Non permettere a nessuno di dirti che non puoi fare qualcosa… neanche a me. Se hai un sogno devi proteggerlo. Quando le persone non riescono a fare qualcosa ti dicono che non puoi farlo neanche tu. Se Vuoi qualcosa vai e prenditela… punto!

    Dal film “LA RICERCA DELLA FELICITA'” regia G. Muccino con Will Smith

  10. Elio Says:

    Le frasi sono senza dubbio belle ma la realtà dei fatti è sempre molto diversa.
    non puoi prenderti sempre quello che vuoi,altrimenti saresti incoerente.
    Scusami ma non condivido affatto quella frase,per il semplice fatto che proviene da un film,e nel film si recita e quindi non è realtà.

    Elio

  11. Il Presidente Says:

    Elio, sono frasi che servono a motivare, è normale che non vanno prese nel 100% di cio che dicono, però cogliendole, immaginando attraverso loro si riesce a fare piccoli passi in più per raggiungere mete. Almeno ti parlo della mia esperienza, oggi sono dove sono oltre che grazie a me stesso anche grazie a percorsi formativi e di motivazione che mi hanno fatto venir fuori il mio carattere, che prima comunque avevo ma non sapevo come tirarlo fuori. E’ normale che non tutte le cose puoi andare e prenderle, ma sicuramente puoi spingerti ogni giorno di piu, attraverso il desiderio di averle, a cambiare qualche piccolo dettaglio, qualche modo di essere o di fare per avvicinarti a loro. Questo è motivare, riuscire ogni giorno a superare quel centimentro in più che alla fine diventa un metro, e poi cento metri e poi diventa risultato.

    PASQUALE CIORIA

  12. Elio Says:

    Sai bene come la penso in merito ai percorsi formativi e di motivazione,li ritengo molto importanti,come anche il public speaking,ma solo ai fini lavorativi,nella vita comune bisogna essere se stessi.

    Elio

  13. Il Presidente Says:

    No, io ho cambiato tantissime cose anche nella mia vita privata, e poi non è che ti cambiano, riescono a tirare fuori tratti del nostro carattere che a volte on sappiamo nemmeno di avere. Siamo sempre noi a decidere di fare o non fare determinate cose ma loro ti insegnano a farle in modo diverso, ti insegnano a capire il tipo di approccio da avere rispetto alla persona che hai di fronte e ciò ti fa rapportare meglio con tutti. A volte capita che ci scontriamo con le persone dicendo la stessa cosa ma in modo diverso e spesso questo capita perché non siamo bravi ad ascoltare concentrandoci solo su ciò che vogliamo dire senza comprendere cosa ci stanno comunicando i nostri interlocutori. E’ importante conoscere e saper utilizzare le proprie qualità come è importante conoscere e migliorare i propri difetti.

  14. Elio Says:

    resto sulla mia tesi..essere se stessi…fare uscire in te cose nascoste è come ricevere una sorta di manomissione..e quindi non si è se stessi.
    E’ un libero pensiero,io la penso così e ne sono fermamente convinto.

    Elio

  15. Il Presidente Says:

    Il tuo commento si risponde da solo!

  16. Elio Says:

    Può anche essere ma a me non pare.

    io le risposte le leggo,non le immagino…:-)

    Elio

  17. domenico Says:

    elio sono daccordo con te…..
    ps: ti sto ancora aspettando 🙂

  18. ADRY Says:

    Elio…dovresti scrivere più spesso parole tanto belle…rallegrano il cuore e l’anima!PS:Ti ha fatto bene l’influenza eh? (scherzo) 😉
    un bacio!

  19. rennystudios Says:

    Stiamo evaquando le Zone senza Grattacapi del dogma e dell’ imposizione non appena ci rendiamo conto che non sono poi così privi di Grattacapi. Noi pensiamo solo che lo siano. Conformarci, spinti dale paure e dalle imposizioni, a questo modo di pensare e di comportarci ci ha causato enormi grattacapi all’ interno del nostro cuore e nella nostra psiche, provocandoci sofferenze emozionali e disperazione mentale innescate dalla quotidiana battaglia per sopprimere chi e cosa siamo veramente.

    Scavalca quel muro e troverai veramente una Zona senza Grattacapi, quel glorioso magico posto dove potrai assecondare il flusso dell’ energia intuitiva, libero da rimproveri o dalla paura dell’ “Oh mi Dio”.

    Che cosa te ne importa di quello che la gente penserà di te, quando tu per primo compirai quella transizione da robot a ribelle?

    NON IMPORTA QUELLO CHE PENSERANNO DI TE. CIO’ CHE IMPORTA E’ QUELLO CHE TU PENSI DI TE STESSO.

    Vuoi che la tua vita sia condizionata dalle visioni delle pecore che si limitano ad assorbire le opinioni di altre pecore e farle proprie? O vuoi liberarti e fuggire del tutto dal branco?

    E’ QUESTA LA SCELTA DELL’ INFINITA’ TI STA METTENDO DI FRONTE.

    Secondo me, il modo per raggiungere questo obbiettivo è guardarsi in faccia e dirci: rispettiamo il nostro diritto ad essere unici ed ad esprimere quella unicità; rispettiamo il diritto degli altri ad esprimere la loro unicità, liberi dalla ridicolarizzazione e dalla condanna;

    Questa semplice filosofia trasformerà la tua vita e la vita suquesto pianeta.

    Se rispetteremo il nostro diritto ad essere unici non saremo schiavi del pensiero e del comportamento imposto. Se rispettiamo il diritto di tutti alla STESSA LIBERTA’, non saremo più la forza di polizia che controlla gli altri schiavi.

    A quel punto non esisterà più il branco, nè la manipolazione del branco.

    E’ ora di ricordarci chi siamo e da dove veniamo. Tu non sei la professione che svolgi, nè la razza a ci appartieni. Non sei uno spazzino, un pilota di linea o una casalinga. Non sei arabo, un gentile, o un ebreo. Non sei inglese, tedesco o asiatico.Non sei la religione a cui credi o l’ “ismo” politico in cui ti riconosci. Non sei il sesso a cui appartieni e quello a cui vanno le tue preferenze. Non sei nemmeno i tuoi pensieri.

    Sei il silenzio tra loro, il silenzio da cui nascono i tuoi pensieri. Sei un aspetto unico della coscienza in evoluzione sulla soglia di un sogno che da tanto tempo cerchi di realizzare.

    Dal libro: Io sono me stesso, io sono libero di David Icke

  20. Il Presidente Says:

    Civile, esser civile, vuol dire proprio questo: dentro, neri come corvi; fuori, bianchi come colombi; in corpo fiele, in bocca miele.

    Luigi Pirandello

  21. Elio Says:

    mo si che stam appost! pure pirandello!:-)

  22. renato Says:

    sarà! ma non sono daccordo con pirandello….la nostra civiltà è malata proprio per quello che pirandello dice in questa frase…IO SONO ME STESSO dentro nero allora nero fuori..fiele in corpo, amaro in bocca..cmq saluti a tutti e continuate così l importante è portare in alto il nome di scampitella,il mio paese natale..

  23. carmine Says:

    s ver ca nun tnit nient ra fa

  24. renato Says:

    carmine che cavo… dici…non t rispondo perchè è solo temppo sprecato

  25. Il Presidente Says:

    Ma questo aforisma di Pirandello vole dire che a volte noi per paura di quello che gli altri possano pensare non siamo del tutto noi stessi, cioè che a volte nacondiamo la nostra vera identità quindi sopprimiamo in corpo (neri dentro) e esterniamo altri modi di fare (fuori bianchi), in corpo fiele e in bocca miele vuole dire che a volte per non far male trasformiamo il fiele che abbiamo dentro in miele, cioè che pensiamo male di qualcosa o di qualcuno ma ne parliamo bene. PENSO che questa sia la spiegazione più appropriata. Tu che dici Rena la pensi così…

  26. domenico Says:

    non sempre dire quello che si pensa è un bene….anzi ….a volte è peggio…a volte dire quello che si pensa -se quello che si pensa non va di pari passo con l altra parte- porta solo a incomprensioni e purtroppo litigi…. dico bene presidè.?ciao ciao …
    ps: ma come va il mercato immobiliare nella baronia?

  27. Il Presidente Says:

    A volte no, ma parlare bene con una persona che in cuor tuo non stimi è come stare con una persona e tradirla. Sicuramente all’inizio dire quello che si pensa porta litigi e dolore ma è l’unico modo per star bene ed avere dei chiarimenti futuri.
    rps: Va bene, se non fosse per i prezzi così bassi oggi starei sicuramente meglio!

  28. rennystudios Says:

    si presidè è quello che volevo far capire…IMPORTANTE é ESSERE NOI STESSI::

  29. domenico Says:

    il mio problema è essere troppo chiaro e diretto…..
    Ps. per fare quello che dici tu devi lavorare in città…i prezi alle stelle e le tasche pieni hihi

  30. Il Presidente Says:

    Non riempitele troppo e troppo in fretta, pensate a lungo termine. Ciao dalla concorrenza.

  31. domenico Says:

    piu si riempiono e meglio stiamo……..èè ancora presto per parlare di concorrenza…..l ufficio non è ancora mio…spero di riprendere questo discorso molto presto….buon lavoro

  32. mariacioria Says:

    ciao a tutti..soprattutto a elio e pasquale..siete troppo in gamba!

  33. io Says:

    anche io sn un ragazzo in gamba…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: